Zur Startseite
Amministrazione trasparente
DE | IT | EN
Scoprire
Nel momento in cui il popolo nomade dei Magiari saccheggiò il Nord Italia nell'899, iniziò ad esserci l'esigenza di una via più sicura che attraversasse le Alpi.

Lentamente la via del Brennero, fino ad allora una via secondaria che collegava la città di Verona a quella di Hall, assunse sempre maggior rilievo. In breve tempo essa, rafforzata da punti d’appoggio e castelli si trasformò nel più importante passaggio attraverso le Alpi. La stessa città di Verona, grazie alle sue possenti mura, ne diventò sia il punto di partenza, che quello di arrivo. Commercianti, pellegrini e semplici viaggiatori trassero profitto da questa strada. Ma non solo. La via diventò determinante anche per gli Imperatori del Sacro Romano Impero, i quali attraversavano il Brennero con lo scopo di farsi incoronare nella Città Eterna.

Il nuovo percorso portò inoltre con sé un vivace scambio culturale ed economico. Emerse ad esempio l'area monetaria veronese (Bern = Verona), la quale permise di pagare fino ed oltre il Brennero con monete su modello veronese. Grazie a questa via entrarono in contatto la cultura germanica e quella romana, le quali fondendosi diedero vita ad una cultura.

Nel frattempo Verona si sviluppò, incentrando le sue fiere sui tessuti e diventando punto cardine del commercio transalpino. Il valore delle merci che venivano scambiate durante le fiere di Bolzano veniva fissato infatti in valuta veronese. Solo in seguito questi beni potevano intraprendere il loro viaggio oltre il Brennero.
I mercati sovraregionali di Bolzano e Verona non erano visitati esclusivamente da mercanti e commercianti di stoffe, ma erano anche teatro di un vivace scambio: le scuole giottesche, impegnate ad affrescare il chiostro dei Domenicani; Micheal Pacher, influenzato dal Mantegna, ma con radici profonde nell’arte gotica; Albrecht Dürer, il quale attraversando il Brennero nel corso di due viaggi ne catturò le vedute e i paesaggi nei suoi dipinti.

Mostra "Verona - Tirol. Commercio e cultura lungo la via del Brennero fino al 1516"
aperta dal 31.03.2015 al 01.11.2015


Archivio>>

 

La vostra visita a Castel Roncolo

Il castello

Informazioni utili

Mostre



Affitto cortile

Osteria

   
 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

     

 

h

Desideriamo ringraziare le seguenti istituzioni e ditte per il gentile supporto concessoci:

:

 
Fondazione Castelli di Bolzano
Impressum
Facebook 
TEL +39 0471 329808 ~ FAX +39 0471 324026
   E-Mail: roncolo@roncolo.info